Aspetti psicologici e clinici della malattia cronica. La presa in carico del paziente affetto da fibrosi cistica nelle varie fasi della vita

Published on: Author: admin
fibrosi-cistica

di Paola Catastini – 2019

Questo volume vuole offrire ai giovani psicologi un’indicazione e una riflessione su come rapportarsi con i pazienti affetti da malattie croniche e con i loro familiari, in particolare nei casi di malati di fibrosi cistica, in cui forte si manifesta l’angoscia di morte che nasce dalla caratteristica di progressione della malattia.
 Vivere con la malattia cronica rappresenta un grande impegno per i pazienti e i loro familiari. Un impegno sostenuto quotidianamente a causa di ciò che la malattia richiede in termini di necessità di cura, ma anche per il carico emotivo che è implicito nel vivere la cronicità. Sono presenti, infatti, importanti vissuti che affaticano la costruzione personale e condizionano negativamente la qualità della vita. Tra questi il senso della diversità, della precarietà e dell’impotenza di fronte a quanto la malattia richiede in termini di interventi terapeutici e controlli sanitari. In alcune patologie croniche, come la fibrosi cistica, accanto a ciò si aggiunge anche l’angoscia di morte che nasce dalla caratteristica progressione della malattia poiché, nonostante oggi alcuni farmaci possano incidere sul difetto di base e rallentare il deterioramento d’organo, essa viene ancora definita una malattia ad esito infausto precoce. Lo psicologo che lavora con i pazienti affetti da fibrosi cistica deve considerarli globalmente e sapere individuare all’interno delle loro narrazioni, ed anche in ciò che non riescono a narrare e narrarsi, i nuclei della difficoltà a strutturare un proprio progetto di vita.
Questo volume vuole offrire ai giovani psicologi un’indicazione e una riflessione in tal senso.

 

Paola Catastini, psicoterapeuta specialista in psicologia clinica, lavora dal 1989 con i pazienti affetti da malattia cronica e dal 1990 ha seguito pazienti affetti da fibrosi cistica. È stata coordinatrice per due trienni del gruppo psicologi della Società Italiana per la cura della Fibrosi Cistica di cui è membro. È autrice di testi e articoli scientifici inerenti la malattia cronica e la fibrosi cistica e ha presentato numerosi contributi a congressi nazionali e internazionali.