Bibliografia bambini

- Benini E., Malombra G. (2008). Le fiabe per… affrontare i distacchi della vita. Un aiuto per grandi e piccini. Franco Angeli, Milano.

Le fiabe per… affrontare i distacchi della vita. Un aiuto per grandi e piccini

Gli autori sottolineano come, nel corso dello sviluppo, il bambino si trovi ad affrontare numerosi distacchi, “fisiologici” per la sua crescita. Le difficoltà legate al distacco vengono percepite dai bambini ed al contempo vissute anche dagli adulti. L’utilizzo della fiaba, sostengono gli autori, favorisce l’identificazioni dei lettori nei personaggi e permette uno spazio di riflessione sulle tematiche elicitate dalla narrazione. Il volume è pensato per genitori, insegnanti, psicologi educatori ed gli operatori che riconoscono l’importanza della comunicazione emotiva per il bambino. Parlare ai ragazzi come agli adulti, toccando delicatamente corde profonde. Una storia che resta scolpita dentro i cuori dei lettori. Età da 11 a 13 anni

- Chichester Clark E. (2003). Lassù in Paradiso. Edizioni AER.

Daisy è affezionata ad Arturo, ma non può restare ancora a lungo con lui, perché è ormai vecchia e stanca. Quando un giorno si sveglia in Paradiso può correre e giocare come era solita fare e si sente nuovamente giovane. Solo una cosa non va: sa che Arturo sente molto la sua mancanza. Come fargli sapere che lei è felice? E come convincerlo ad accogliere un nuovo cucciolo? Età di lettura: da 3 anni.

- Erlbruch W. (2005). Un paradiso per il piccolo orso. Edizioni E/O

Il libro racconta la storia di un piccolo orso alla ricerca del paradiso, per ritrovare i genitori morti. Ancora una volta Erlbruch affronta con grande leggerezza, e splendide illustrazioni, un tema profondo e delicato come quello della morte. Età di lettura da 4 anni.

- Gregoire S. (2010). Lulù. Rizzoli, Bologna.

Lulù

“C’era una volta un coniglietto che non aveva mai visto un lupo e un lupo che non aveva mai visto un coniglietto”. Inizia così la storia di una strana e bella amicizia tra un lupo ed un coniglio. La letteratura per bambini si presta molto bene a riflettere sulle tematiche trasversali più o meno dirette elicitate dall’autore del libro. In questo caso, Gregoire parla dell’amicizia dei protagonisti, ma tocca anche altri aspetti connessi alla morte, alla perdita, alla separazione. Età di lettura: da 3 anni.

 - Grollman E. (1999-2005 ). Perché si muore? Come trovare le parole giuste: un dialogo tra genitori e figli. Edizioni red, Milano.

perchè si muore

Questo volume dà indicazioni pratiche e strumenti concreti ai genitori per affrontare i dialoghi e le domande dei figli sui temi dolorosi della perdita e della morte.

- Holzinger M., Stöllinger H. (2oo1). Addio Anna. Edizioni Messaggero

Un libro illustrato che aiuta i bambini parlare di cose difficili come invecchiare e morire. La tata Anna è grande: sa cucinare, cucire e raccontare meravigliose storie di draghi. Durante il giorno si prende cura di un bambino, come se fosse la sua nonna. Un giorno Anna si ammala e il bambino si rende conto che sta per morire. Il ricordo di tutti i bei momenti trascorsi assieme lo aiuta ad alleviare il suo dolore. Età di lettura: da 3 anni.

- Iannaccone N. (2017). Né vittime, né prepotenti. Una proposta didattica di contrasto al bullismo. la meridiana.

A proposito di bullismo, sono in molti a ripeterlo: “C’è sempre stato”. Sì, forse, sarà anche vero. Ma non per questo le ferite del bullismo sono meno gravi. Semplicemente, oggi abbiamo più consapevolezza. Ed è positivo. Ben venga, dunque, l’attenzione al fenomeno. Purché non tutto divenga “bullismo”. Sapere che cosa significhi e in che modo si possa prevenire richiede conoscenze e capacità specifiche che costringono a uscire dai luoghi comuni. Ad esempio, occorre acquisire abilità socio-affettive e in generale delle life skills, non solo per interventi preventivi, ma per la promozione del benessere a scuola. Ecco, allora questo libro. Il percorso si snoda mediante le caratteristiche di 10 animali, per offrire a bambini e ragazzi la possibilità di sperimentare le proprie competenze sociali e le abilità di comunicazione con se stessi e con gli altri, in situazioni che riproducono le principali modalità di interazione fra le persone. Ad ogni animale corrisponde una specifica abilità socio-affettiva, che dovrà essere sperimentata ed esplorata. Come uno strumento da inserire nella “valigia” degli insegnanti, questa proposta è utile non solo per affrontare il tema delle prepotenze in ambito scolastico, ma anche per constatare le enormi potenzialità del gioco nella conoscenza dei mondi emozionali più complessi. Come quelli di un bullo e della sua vittima, appunto.

-- Nijssen E., Van Lindenhuizen E. (2010). Beniamino. Edizioni Clavis

Jacopo ha un fratellino. È nato da pochi giorni e si chiama Beniamino. Purtroppo il dottore scopre che Beniamino è molto malato. Nessuno può fare niente per aiutarlo. Un racconto sereno che affronta il tema della morte di un fratellino. Età di lettura: da 4 anni.

-  Oppenheim D. (2005). Dialoghi con i bambini sulla morte. Le fantasie, i vissuti, le parole sul lutto e sui distacchi. Erickson, Trento.

Dialoghi con i bambini sulla morte. Le fantasie, i vissuti, le parole sul lutto e sui distacchi

Il volume è rivolto a genitori ed operatori che quotidianamente si trovano in contatto con bambini e adolescenti che hanno subito una perdita. Il testo si propone come sostegno e fonte di suggerimenti per aiutare i minori nella comprensione e nella condivisione dei vissuti faticosi che la morte porta con sé. L’autore presenta delle storie per offrire punti di riferimento, consigli ed esempi concreti per gestire la tematica in maniera adeguata.

 - Pellai A., Tamborini B. (2011). Perché non ci sei più? Accompagnare i bambini nell’esperienza del lutto. Erickson, Trento.

Perché non ci sei più Accompagnare i bambini nell’esperienza del lutto.

Affiancato all’episodio della Melavisione (Rai Tre) “La sposa di Grifo”, il libro nasce per aiutare genitori, insegnanti ed educatori a sostenere e guidare i bambini nella dolorosa esperienza del lutto. Gli autori trattato la tematica in modo diretto e pragmatico, rispondendo alle dieci domande più frequenti dei bambini e suggeriscono attività, progetti, filastrocche e materiali utili per la costruzione di percorsi di dialogo e approfondimento della tematica con i bambini.

- Pellai A., Tamburini B. (2017). Io dopo di te. Una storia per aiutare i bambini ad affrontare la perdita di una persona cara. Erickson

io dopo di te

Il bisnonno Nicola è davvero speciale: le sue avventure incantano il nipote Pietro, che lo adora come fosse un supereroe. Ma purtroppo il bisnonno non sta bene e Pietro si ritrova a dover affrontare un dolore che attanaglia il cuore e toglie la speranza. Grazie alla storia di una goccia, l’ultimo dono che il bisnonno fa a Pietro, prima di lasciarlo, il piccolo protagonista di questo libro impara ad accettare ciò che è inevitabile e a continuare ad amare il suo bisnonno, che non è più accanto a lui, ma è dentro al suo cuore. Una storia delicata e toccante per affrontare con i bambini il tema della morte e per attraversare ed elaborare il lutto grazie al potere terapeutico di una favola. Età di lettura: da 5 anni.

- Pittar G. (2005). Milly, Molly e il fiore di Giulio. EDT-Giralangolo

milly-molly-e-il-fiore-di-giulio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una sorpresa inattesa aiuta Milly e Molly a superare il dolore per la perdita di un amico. Le storie di Milly e Molly raccontano in modo vivace e accattivante i grandi temi che aiutano a crescere in modo responsabile e nel rispetto degli altri. In questa storia il tema è: preoccuparsi per gli altri e affrontare il dolore. Età di lettura dai 3 ai 7 anni

- Sakai K. (2014). Akiko e il palloncino. Babalibri, Milano.

Akiko e il palloncino

L’autore si avvicina al tema della separazione e della perdita di un oggetto che può essere importante per un bambino (ad es. un palloncino) e tratta la tematica attraverso una metafora che può essere compresa anche da un bambino. L’autore – diversamente da molti altri testi per bambini – non offre una soluzione di lettura, ma lascia aperto il finale, permettendo così a ciascun lettore ed in funzione dell’età di dare una lettura personale, frutto della sua immaginazione e fantasia. Età di lettura: da 4 anni.

 - Sunderland M. (2007). Aiutare i bambini a superare lutti e perdite. Attività psicoeducative con il supporto di una favola. Edizioni Erickson, Trento.

Aiutare i bambini a superare lutti e perdite

Questo volume racchiude alcuni spunti teorici sulle difficoltà e le risposte più comuni dei bambini di fronte alla morte e alle perdite che la crescita stessa impone. L’autrice propone una favola che può aiutare il bambino a toccare le tematiche della solitudine, della perdita e della sofferenza, con l’obiettivo di riacquistare fiducia in sé e nel proprio futuro. Si tratta di una guida psicologica che propone favola ed attività educative per genitori ed insegnanti, da utilizzare come strumento per avvicinarsi alle tematiche trattate.

 - Sunderland M. (2009). Aiutare i bambini a superare lutti e perdite. Attività psicoeducative con il supporto di una favola Con CD Rom.

Aiutare i bambini a superare lutti e perdite. Attività psicoeducative con il supporto di una favola

 Questa favola è nata per aiutare i bambini a superare i momenti di fatica e difficoltà a seguito di lutti significativi, riacquistando fiducia in sé e nell’altro. La guida psicologica alla favola e alle attività educative aiuterà genitori e insegnanti a comprendere come accettare, accogliere in sé la perdita e come condividerla con i bambini.

 - Varano M. (2012). Come parlare ai bambini della morte e del lutto. Claudiana, Torino.

Come parlare ai bambini della morte e del lutto

Il volume offre alcuni spunti di lettura per dare senso al dolore e poter reggere gli urti della vita. Con l’obiettivo di aiutare, confortare e guidare un figlio, il volume fornisce alcuni suggerimenti per continuare a vivere, al di là dell’assenza della persona amata.

- Voltz C. (2005). La carezza della farfalla. Edizioni Arka

Dove vive la nonna ora che se ne è andata? “Non sotto terra”, dice il nonno, “perché non amava né i vermi né le talpe. Né vola in cielo tra le nuvole, perché non ce la farebbe con i suoi 85 chili”. E se fosse sempre nel suo giardino, leggera come la carezza di una farfalla? Età di lettura: da 4 anni.

- Wolf E. (2007). L’anatra, la morte e il tulipano. E/O, Roma.

L’anatra, la morte e il tulipano

 ”Già da molto tempo l’anatra aveva come un presentimento. ‘Chi sei? E perché mi strisci alle spalle di soppiatto?’ ‘Bene, finalmente ti accorgi di me’ disse la morte. ‘Sono la morte.’ L’anatra si spaventò. Non la si può certo rimproverare per questo. ‘E adesso vieni a prendermi?’”. L’autore propone in forma diretta il dialogo possibile del/i protagonista/i con la morte, personaggio “in carne ed ossa” che pensa, parla, agisce, sente alla pari dei personaggi della storia. Età di lettura: da 4 anni.