“Lavoro sociale e migrazioni”, inizia il ciclo Uno sguardo al cielo

Published on: Author: admin
estense.com

Mercoledì alla libreria Ibs la presentazione del libro di Dina Galli e Francesca Mantovani

Mercoledì 9 ottobre alle 17 presso la storica sala dell’Oratorio San Crispino, alla libreria Ibs+Libraccio, si terrà la presentazione di “Lavoro sociale e migrazioni. Il ruolo delle reti dei servizi” (editore Junior 2019), il libro di Dina Galli e Francesca Mantovani sull’attuale e delicato tema dell’immigrazione. Nel corso dell’incontro dialogherà con le autrici il giornalista Stefano Ravaioli. L’appuntamento sarà il primo della serie “Uno sguardo al cielo – percorsi di avvicinamento all’elaborazione del lutto” organizzato dall’Università degli Studi di Ferrara, che avranno luogo tra ottobre e novembre.

Il libro. Gli ultimi decenni hanno registrato l’arrivo nelle nostre comunità dei migranti, fenomeno connesso al collasso geopolitico generato soprattutto dalle profonde ingiustizie sociali ed economiche. Tale presenza ha prodotto nella società due reazioni contrapposte: una di rifiuto, usato ed enfatizzato da alcuni partiti politici, e una d’accoglienza. Una società si misura sulla base dello sviluppo economico-sociale conseguito e dalle innovazioni prodotte, ma soprattutto dal suo livello d’umanità, dalla sua capacità di convertire l’hostis in un hospes, il nemico in un ospite. Il lavoro sociale, che si pone l’obiettivo d’attivare la società per risolvere specifici problemi della comunità, ha il compito di favorire questo passaggio, nella consapevolezza che l’integrazione delle diversità favorisce la coesione sociale e ne promuove le dimensioni valoriali. Il fenomeno migratorio è certamente articolato, ha richiesto e richiede un arricchimento sia dell’apparato teorico sia della metodologia del servizio sociale che consenta d’attrezzare adeguatamente la formazione universitaria dei futuri assistenti sociali (e non solo). Nel volume si è ampliato lo sguardo per capire come un servizio, composto da operatori dell’area sociale, educativa e sanitaria, possa attrezzarsi per rispondere a un’utenza straniera diversificata.

Le autrici. Dina Galli è assistente sociale libera professionista, è stata docente dell’insegnamento di Metodi e tecniche del servizio sociale II presso il Corso di laurea triennale in Servizio sociale dell’Università di Bologna. È docente al Master di primo livello “Tutela, diritti e protezione dei minori” presso l’Università di Ferrara; Francesca Mantovani è Ricercatrice in Sociologia generale, docente di Principi e fondamenti del servizio sociale e referente per il tirocinio curriculare sia nel Corso di laurea triennale in Servizio sociale sia nel Corso di laurea magistrale in Sociologia e Servizio sociale presso l’Università di Bologna.

Fonte: https://www.estense.com/?p=808853

Martedi, 8 Ottobre 2019