Morte in culla, attivato sostegno psicologico per i genitori presso l’ospedale di Palermo

Published on: Author: admin
fatebenefratelli

Si segnala questo importante Servizio di sostegno psicologico rivolto ai genitori che si trovano ad affrontare in maniera assolutamente improvvisa, dolorosa ed inaspettata la morte in culla del figlio.

La morte in culla o “morte bianca” (Sudden Infant Death Sindrome, SIDS ), è considerata una delle esperienze più dolorose e sconvolgenti che possa verificarsi in una famiglia.

Colpisce un lattante apparentemente sano in condizioni di pieno benessere ogni 1000-2000 nati. Rappresenta la prima causa di mortalità nei paesi industrializzati da un mese ad un anno di vita. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) molte di queste morti, per la maggior parte “invisibili”, sono evitabili.

L’applicazione di semplici regole di accudimento (far dormire i bambini sempre in posizione supina, evitare il fumo in gravidanza e dopo, evitare le temperature alte, far dormire il lattante nella stessa stanza ma non nello stesso letto dei genitori, l’uso eventuale del ciuccetto ad allattamento ben avviato e la promozione dell’allattamento materno) hanno consentito di ridurre drasticamente la mortalità per SIDS fino al 50-60%.

Il centro SIDS dell’ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli di Palermo, Centro di riferimento regionale, ha attivato un ambulatorio gratuito di psicologia rivolto sia ai genitori colpiti da questo triste evento.

Il servizio è rivolto alle famiglie e ai singoli genitori che hanno avuto esperienze e vissuti legati a situazioni cliniche improvvise e ad episodi di lutto, attuando percorsi di sostegno e di elaborazione del lutto individuali e di gruppo.

Per informazioni sul servizio di psicologia e prenotazioni, contattare la dott.ssa Valeria Cavarretta, psicologo clinico e psicoterapeuta al numero :3208587601 oppure per email centrosids@fbfpa.it; valeria.cavarretta@libero.it