Pensieri poetici sul di qua e il di là

Credo che la nostra civiltà abbia smarrito molti degli strumenti che aveva accumulato nei secoli per rapportarsi con un’esperienza fondante dell’umano come la morte (e dunque come la vita). Fra queste frecce perdute certamente si annovera la poesia. Nella mia piccola esperienza noto che pochissime persone leggono, mi vien da dire usano, la poesia ma ogni volta che le si espone ad essa tutte restano profondamente toccate. Come società ci siamo distaccati (per pigrizia? per disabitudine? per disavventure scolastiche?) da un linguaggio che ci è talmente proprio che non esitiamo a riconoscerlo non appena ne veniamo a contatto, anche se crediamo di averlo dimenticato.

L’intenzione è di aprire una finestrella, di far baluginare la fiamma di una candela, di lasciare un filo, una crosta di pane, un bicchiere di acqua chiara. Si può lasciare lì dov’è. Si può masticare e bere per quel che dà in quel momento. Si può forse afferrare il filo e cercare altro nutrimento, se piace. Tutto qui.

Michele Bellazzini, primo ricercatore dell’Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello Spazio di Bologna

Pochissime parole. Possono essere sufficienti pochissime parole. Poeta vuol dire scegliere le parole, non solo per […]
Il nostro approccio scolastico alla storia ci abitua a mettere i fatti, i popoli, le civiltà, […]
Sono passati più di settant’anni dalla pubblicazione di questa poesia che fotografa una dissoluzione che definirei […]
Non è un numero interessante quarantanove? Quadrato di un numero magico, a uno zero di distanza […]
E tutto sembra vano. L’insostenibile bellezza, il mistero. L’orrore palese che si dispiega. Vedere quello che […]
Di recente è capitato che alcuni giovani che conosco, più d’uno, di età assai diverse, indipendentemente […]
Una volta a Pechino ho comprato da un distributore automatico una bottiglietta di quello che pensavo […]
Fin da bambino ho pensato al giorno dei defunti come a un promemoria. Una specie di […]
Mi pare che sovente si riduca la nostalgia al dolersi per l’impossibilità di avere indietro un […]
Da qui, prima o dopo è opportuno, è doveroso passare. Questo cantare è così nostro. Tanto […]
Ancora parliamo di madri, come sempre qualcosa di non visto collega fili. Niente di più centrale, […]
Del Mario Benedetti uruguagio qui leggiamo una poesia breve e antica, uruguagio benché figlio di un […]
Per la serie tesori nascosti (ma mica poi tanto nascosti), inaugurata con Cose dell’altro mondo #23, […]
Se è abbastanza notte, se si fa abbastanza silenzio, si può per un momento guardare negli […]
Sta fra i misteri la ragione per cui si è fatta tanta bellezza per convincere le […]
Da lungo tempo mi ripromettevo di dedicare una “Cosa dell’altro mondo” a Raffaello Baldini. Ce l’ho […]
Chissà, forse un senso interiore, non riconosciuto, ci avverte. Dopotutto le rose non si lasciano sfuggire […]
Poliedricità, molteplici interessi, la passione per il proprio territorio e per le sue tradizioni ma, soprattutto, […]
Difficile trovare un autore contemporaneo che più di Borges sappia accendere contatti, far baluginare specchi che […]
Per un caso del tutto analogo al Notturno di Branduardi / Alcmane / Quasimodo di cui […]