“Il morire” in sociologia

Uno sguardo sociologico su morte, morire e lutto.

Fabrizio De Andrè si fece ispirare per il suo secondo album dall’ Antologia di Spoon River, di Edgar Lee Masters che in italia è stato tradotto da Fernanda Pivano e pubblicato da Einaudi nel 1943.

Così De Andrè presenta il suo disco: «Parla della morte… Non della “morte cicca”, con le ossette, ma della morte psicologica, morale, mentale, che un uomo normale può incontrare durante la sua vita. Direi che una persona comune, ciascuno di noi forse, mentre vive si imbatte diverse volte in questo genere, in questo tipo di morte – in questi vari tipi, anzi, di morte – prima di arrivare a quella vera. Così, quando tu perdi un lavoro, quando tu perdi un amico, muori un po’; tant’è vero che devi un po’ rinascere, dopo.» (Fabrizio De André, intervista rilasciata ad Enza Sampò nel programma RAI “Incontri musicali: Fabrizio De Andrè” del 1969)

La prima canzone dell’album, La collina, parla della gente comune che probabilmente nessuno al di fuori dei propri cari ricorderà che dorme, giace, sulla collina, il luogo del cimitero vicino a Spoon River.

https://youtu.be/ZromQvtZzk8

Per questo e per rendere omaggio a Fabrizio De Andrè ho pensato di chiamare questa raccolta di scritti, più che altro pensieri sulla morte, il morire e il lutto, “Non al denaro, non all’amore né al cielo”  le parole che De Andrà fa dire al suonatore Jones nella canzone La collina e da cui ha tratto il titolo dell’album:

Dov’è Jones il suonatore

che fu sorpreso dai suoi novant’anni

e con la vita avrebbe ancora giocato.

 

Lui che offrì la faccia al vento

la gola al vino e mai un pensiero

non al denaro, non all’amore né al cielo.

Il mio nome  è Mauro Serio, ho studiato Sociologia all’Università di Urbino,  amo osservare quello che accade intorno a me con lenti a volte diverse da quelle che normalmente utilizziamo per mettere a fuoco il mondo. mauro serioHo lavorato in aziende pubbliche e private e ricoperto ruoli su un ampio tratto della scala sociale e retributiva, dall’operaio in un allevamento di manzi e maiali all’operatore sociale, dal coordinatore di struttura per disabili al responsabile sviluppo risorse umane, dal supervisore dei gruppi operativi di servizi educativi e assistenziali al direttore del personale. Ho anche tenuto il corso di Organizzazione dei servizi sociali, di cui sono stato recentemente nominato Cultore della materia presso UNIFE. Collaboro da alcuni anni al progetto Uno sguardo al cielo , ho fatto parte del gruppo che ha svolto la  ricerca Il sogno dell’eternità. Il necroforo tra imprevedibilità e rito (https://youtu.be/iNb_cb8NKxYe all’interno del progetto, insieme ai colleghi, accompagno e supporto all’elaborazione del lutto le persone che ne fanno richiesta.



La morte sociale

Published on: Author: admin

Mauro Serio conversa con noi nella rubrica ” Il morire in sociologia ” sulla invalidazione dell’ essere umano di funzionare in termini sociali. Ma non esiste una statistica che misura con precisione il numero di esseri umani che affrontano morte sociale. I “socialmente morti” sono un crescente sezione della popolazione. I loro cuori battono ancora,… More »

La morte, il lutto e il Grande fratello

Published on: Author: admin

A cosa si riferisce Bauman quando usa il grande fratello come metafora? Grande Fratello e di altri reality basati sull’eliminazione dei concorrenti? L’eliminazione che avviene spesso in modo casuale, senza particolare meriti o colpe appare come una rappresentazione demistificata, edulcorata del destino dell’uomo che arriva alla sua morte dopo una serie più o meno lunga… More »

Paura liquida – Zigmunt Bauman

Published on: Author: admin

Maurice Blanchot si è spinto ad affermare che l’uomo non è a conoscenza della morte solo in quanto uomo, ma piuttosto è uomo solo in quanto è morte in divenire. Tutte le culture umane possono essere decodificate come ingegnosi congegni che rendono la vita vivibile, nonostante la consapevolezza della morte. La creatività delle culture nel… More »

Chi parla non è morto

Published on: Author: admin

«Nell’ultimo numero de La Civiltà Cattolica si trova un interessante articolo di Giovanni Cucci, dal titolo Morte e digitale. Non è certo la prima volta che gli studiosi si interrogano sull’impatto antropologico della rivoluzione digitale, ma la realizzazione nella vita quotidiana di ciò che Mark Weiser ha definito “computazione ubiqua” (ovvero una presenza talmente pervasiva… More »

Chi di spada ferisce, ovvero l’uso sociale dei morti-simbolo

Published on: Author: admin

Da sempre lo stato si è impossessato di alcuni deceduti per renderli simbolo da utilizzare per la coesione, per orientare verso determinati fini, per motivare ad agire. Ogni stato costruisce un proprio panel di morti che utilizza per definire costantemente la propria identità e i propri valori nel costante processo di costruire la comunità-stato. Senza… More »

L’ora segnata dal destino

Published on: Author: admin

Con queste parole Mussolini inizia il comizio del 10 giugno 1941 della dichiarazione di guerra consegnata agli ambasciatori di Francia e Inghilterra. Le persone che affollano le piazze urlano e applaudono. <Mussolini – dichiarazione di guerra > La guerra, uno dei tanti casi in cui le società spingono i propri componenti a  correre incontro alla… More »

Un doloroso lutto: la perdita dei luoghi

Published on: Author: admin

Il cantiere della Superstrada Pedemontana Veneta attraversa le province di Vicenza e Treviso. Quasi 95 chilometri di asfalto toccano il territorio di 36 comuni, tra cui quello di Riese Pio X (TV), dove sono ambientate le tre storie del documentario Asfalto di Dimitri Feltrin. Partendo dalla lettura delle foto di famiglia, Asfalto racconta il rapporto… More »

Se non ci fossero bisognerebbe inventarli

Published on: Author: admin

Nella nostra società post-mortale come la definisce Celine Lafontain nel suo Il sogno dell’eternità, Medusa editore, sembra la la morte e il morire siano sempre più qualcosa da combattere e sconfiggere una volta per tutte, qualcosa che è meglio neanche nominare come il cancro, il suicidio o l’incesto. Un vero e proprio tabù insomma. Eppure… More »

Lockdown 3: gli studenti

Published on: Author: admin
009_immagini-ed-emozioni

Parte 2. Nei giorni attorno a ferragosto la polemica sui comportamenti dei giovani e sulle discoteche si è fatta rovente. I media hanno posto al centro della discussione sulle misure da adottare e da modificare i comportamenti dei giovani. Spesso additati come irresponsabili, focolai di infezione, incapaci di porsi dei limiti, portatori di una visione… More »

La morte come spettacolo

Published on: Author: admin

Esiste un grande inganno intorno alla morte e riguarda i mass media: hanno realizzato e messo in scena la morte come spettacolo. Non lo spettacolo tragico dell’epoca medioevale dove i cittadini assistevano nella pubblica piazza alle impiccagioni, alle decapitazioni e anche allo squartamento dei colpevoli. Il potere del sovrano metteva in scena lo spettacolo per… More »