Uno sguardo sociologico su morte, morire e lutto.

Fabrizio De Andrè si fece ispirare per il suo secondo album dall’ Antologia di Spoon River, di Edgar Lee Masters che in italia è stato tradotto da Fernanda Pivano e pubblicato da Einaudi nel 1943.

Così De Andrè presenta il suo disco: «Parla della morte… Non della “morte cicca”, con le ossette, ma della morte psicologica, morale, mentale, che un uomo normale può incontrare durante la sua vita. Direi che una persona comune, ciascuno di noi forse, mentre vive si imbatte diverse volte in questo genere, in questo tipo di morte – in questi vari tipi, anzi, di morte – prima di arrivare a quella vera. Così, quando tu perdi un lavoro, quando tu perdi un amico, muori un po’; tant’è vero che devi un po’ rinascere, dopo.» (Fabrizio De André, intervista rilasciata ad Enza Sampò nel programma RAI “Incontri musicali: Fabrizio De Andrè” del 1969)

La prima canzone dell’album, La collina, parla della gente comune che probabilmente nessuno al di fuori dei propri cari ricorderà che dorme, giace, sulla collina, il luogo del cimitero vicino a Spoon River.

https://youtu.be/ZromQvtZzk8

Per questo e per rendere omaggio a Fabrizio De Andrè ho pensato di chiamare questa raccolta di scritti, più che altro pensieri sulla morte, il morire e il lutto, “Non al denaro, non all’amore né al cielo”  le parole che De Andrà fa dire al suonatore Jones nella canzone La collina e da cui ha tratto il titolo dell’album:

Dov’è Jones il suonatore

che fu sorpreso dai suoi novant’anni

e con la vita avrebbe ancora giocato.

 

Lui che offrì la faccia al vento

la gola al vino e mai un pensiero

non al denaro, non all’amore né al cielo.

Il mio nome  è Mauro Serio, ho studiato Sociologia all’Università di Urbino,  amo osservare quello che accade intorno a me con lenti a volte diverse da quelle che normalmente utilizziamo per mettere a fuoco il mondo. Ho lavorato in aziende pubbliche e private e ricoperto ruoli su un ampio tratto della scala sociale e retributiva, dall’operaio in un allevamento di manzi e maiali all’operatore sociale, dal coordinatore di struttura per disabili al responsabile sviluppo risorse umane, dal supervisore dei gruppi operativi di servizi educativi e assistenziali al direttore del personale. Ho anche tenuto il corso di Organizzazione dei servizi sociali, di cui sono stato recentemente nominato Cultore della materia presso UNIFE. Collaboro da alcuni anni al progetto Uno sguardo al cielo , ho fatto parte del gruppo che ha svolto la  ricerca Il sogno dell’eternità. Il necroforo tra imprevedibilità e rito (https://youtu.be/iNb_cb8NKxYe all’interno del progetto, insieme ai colleghi, accompagno e supporto all’elaborazione del lutto le persone che ne fanno richiesta.

 

mauro serio

Nella logica delle nostre società post-mortali la morte non può che essere un deprecabile accidente che […]
Il 19 enne svizzero caduto e investito sul finale della sessione di qualifiche del GP d’Italia, […]
  Per quanto riguarda le classi di età il dato indica che le classi con il […]
I riti che seguono la morte del principe devono rappresentare la piramide sociale che governa il […]
Il significato è un prodotto sociale, in quanto costruito o ricostruito attraverso un “processo interpretativo” che […]
Dice il dr. Knoc nella famosa commedia di Jules Romains “Il dr. Knoc e il trionfo […]
«la Chiesa, come madre, maestra, vuole che ognuno di noi pensi alla propria morte» http://bit.ly/3sNQORg In […]
Mauro Serio conversa con noi nella rubrica ” Il morire in sociologia ” sulla invalidazione dell’ […]
A cosa si riferisce Bauman quando usa il grande fratello come metafora? Grande Fratello e di […]
Maurice Blanchot si è spinto ad affermare che l’uomo non è a conoscenza della morte solo […]